Blog

Le piaghe da decubito

Le piaghe da decubito

Chi si prende cura di un paziente anziano, che si tratti degli operatori ospedalieri o degli infermieri che lavorano a domicilio, sa bene che uno dei problemi più difficili da trattare è quello delle piaghe da decubito. Queste lesioni, infatti, portano a una progressiva necrosi dei tessuti, fino ad arrivare, nei casi più gravi, a intaccare muscoli e ossa.

 

Le piaghe da decubito si formano a causa della prolungata compressione cui è esposto un tessuto molle che si trova tra una sporgenza ossea e una superficie di appoggio.

Tale condizione determina una progressiva riduzione dell’afflusso sanguigno ai tessuti che diventano quindi particolarmente vulnerabili, fino a sfociare in ferite più o meno gravi.

Queste lesioni sono dunque equiparabili a una patologia vera e propria, ancora oggi – purtroppo – ampiamente diffusa.

L’origine delle piaghe da decubito è una sola: la condizione di immobilità del paziente. Quest’ultima può avere diverse cause, dalle fratture ossee ai traumi o alle patologie che determinano l’impossibilità di utilizzare gli arti.

Non appena si avvertono sintomi quali prurito, cambiamento del colore naturale della pelle, arrossamento o indurimento della cute significa che la piaga è al suo stadio iniziale e che deve essere immediatamente curata. In caso contrario, infatti, da questi sintomi si passerebbe rapidamente ad altri, molto più severi, quali lesioni, vesciche e abrasioni, fino ad arrivare, negli ultimi stadi, alla necrosi del tessuto e ai danni a livello muscolare e osseo.

Le modalità di prevenzione delle piaghe da decubito sono molteplici. Molto importante è una corretta assistenza dell’anziano da parte dei familiari o del personale che se ne prende cura: aiutare il paziente a cambiare posizione ogni due o tre ore circa, in modo da favorire la circolazione sanguigna, è il primo passo da compiere per evitare la formazione delle lesioni. Anche l’utilizzo di supporti specifici, quali medicazioni, cuscini, bende e materassi realizzati con materiale idoneo, consente di prevenire le piaghe da decubito, così come un’alimentazione equilibrata, ricca di frutta, verdura e sali minerali e, soprattutto, una corretta idratazione. 

Se l’anziano soffre di altre patologie quali per esempio problemi neurologici, epatici o metabolici, dovrebbero essere curate dal personale medico in modo tempestivo, perché potrebbero favorire la formazione delle piaghe.

 

Da sempre i nostri infermieri e medici, nonché il personale OSS, sono adeguatamente formati per la medicazione delle ulcere. Attraverso un piano adeguato, l’uso di dispositivi  e la competenza ventennale di Villa dei tigli possiamo diminuire e gestire situazioni anche gravi, dovute alla presenza delle piaghe da decubito.

 

A Villa dei Tigli mettiamo a vostra disposizione il meglio dei nostri specialisti e le nostre strutture per garantire il vostro benessere a 360°.

Chiama ora per scoprire tutti i nostri servizi.

 

Write a Comment